sabato 15 dicembre 2012

venerdì 16 novembre 2012

Fender: Limited Edition Sheryl Crow 1959 Custom Tele


Fender: Limited Edition Sheryl Crow 1959 Custom Tele

15.11.12

Una edizione limitata per la country-girl d'America di una chitarra che ha una storia toccante.


articolo tratto da:
http://www.ziomusic.it/viewnews.php?id=40377

Fender ha rilasciato un comunicato oggi dove annunciano il loro orgoglio nell'onorare la cantante-songwriter americana Sheryl Crow, guarita dal cancro al seno, con una chitarra che ha un significato davvero profondo, la Limited Edition Sheryl Crow 1959 Custom Telecaster.

C'è tutta una storia dietro che merita di essere raccontata.
Nel 1994 Sheryl Crow stava per imbarcarsi nel suo primo tour da artista solista quando la gran parte della strumentazione della sua band fu rubata, inclusa la sua Custom Telecaster. La band acquistò rapidamente altra strumentazione prima di partire e Sheryl prese la chitarra di backup come prima chitarra.
Poco dopo, mentre la band era ad Austin, Texas, per suonare, un fan che aveva letto della disavventura si è avvicinato con una Fender Custom Telecaster del 1959 in ottime condizioni. Questo fan offrì la chitarra dicendo che sarebbe stata un ottimo rimpiazzo per la Tele rubata.
Questa chitarra apparteneva alla madre di quest'uomo, che aveva perso la sua lotta contro il cancro. Toccata dal gesto Sheryl accettò lo strumento e lo tiene ancora oggi come la sua chitarra più cara.

Ho una grande affinità con questa chitarra,” dice la Crow. “E' una chitarra che amerò per sempre. Mi fa sentire bene, la suono facilmente ed è stata usata da molte dita amorevoli.
Nel 2011 questa chitarra è stata portata al Fender Custom Shop ed è stata riprodotta meticolosamente in ogni dettaglio, tanto che Sheryl non ha saputo distinguerla dall'originale. Da quel momento in poi, per paura di perdere l'originale tanto caro, Sheryl usa questa replica.

Solo 60 Limited Edition Sheryl Crow 1959 Custom Telecaster sono state create. Una di queste è stata firmata da Sheryl e donata alla National Breast Cancer Foundation per beneficenza.
Le altre poche unità possono essere acquistate da tutti gli estimatori della country-girl. La finitura è Faded Chocolate Three Color Sunburst, con un corpo in ontano selezionato a mano, manico mid-'60 oval “C” in acero, tastiera in palissandro con tasti stile vintage, pickup vintage Telecaster del 1963 e cablaggio dell'attuale linea Telecaster.


Siete già con l'acquolina alla bocca? Allora forse non vorrete sapere il prezzo.
Fender da un prezzo di puro riferimento a 7,500 $.
Con tutta la buona volontà e la storia che c'è dietro forse vi conviene ancora comprare una Tele originale del '59. Credo costi meno, la storia poi ce la mettete voi gratis.
Info: www.fender.com

martedì 6 novembre 2012

“Woman In The White House”, il testo di Sheryl Crow



“Woman In The White House”

Don’t you think it’s time we put a woman in the White House
With a whole new attitude
We could use a little female common sense
Down on Pennsylvania Avenue

After 230-something years of waiting
It’s way past overdue
Yeah, I think it’s time we put a woman in the White House
Girls, how about you?

Well we like to spend money
But not money we ain’t got
And we can balance a checkbook
And girls let me tell you what

It’s time to clean up capitol hill
With a shovel and a pair of high heels
We’ve seen what the good ol’boys cand do
Now it’s our turn to take a shot

Don’t you think it’s time we put a woman in the White House
With a whole new attitude
We could use a little female common sense
Down on Pennsylvania Avenue

After 230-something years of waiting
It’s way past overdue
Yeah I think it’s time we put a woman in the White House
Girls, how about you?

There’d be a lot less fussing
And fighting and carrying on
There’d be a lot more loving
And listening and getting along

Just look at the mess we’re in
Heck, I’d vote for Loretta Lynn
I guarantee that we’d all be
Singing a different song

Don’t you think it’s time we put a woman in the White House
With a whole new attitude
We could use a little female common sense
Down on Pennsylvania Avenue

After 230-something years of waiting
It’s way past overdue
Yeah I think it’s time we put a woman in the White House
Girls, how about you?

Well after 230-something years of waiting
It’s way past overdue
Yeah I think it’s time we put a woman in the White House
Girls, how about you?

Don’t you think it’s time we put a woman in the White House
Girls, how about you?

Woman in the White House, il video


Il video ufficiale di Woman in The White House di Sheryl Crow:


giovedì 1 novembre 2012

Woman in the white house, by Sheryl Crow

Una nuova idea dalla vulcanica Sheryl, anche per aiutare le popolazioni colpite dal passaggio di Sandy:

"Well, we may not have a Woman In The White House yet, but while we're waiting, I wrote a song about it, and here it is :-)"

Per scaricare il brano:
http://www.putawomaninthewhitehouse.com/

lunedì 22 ottobre 2012

Bad 25, ecco trailer e poster



Trailer e Poster per il documentario “Bad 25″ di Spike Lee su Michael Jackson!

Spike Lee in un breve periodo della sua vita, ha esplorato e studiato la carriera di una delle icone dell’intrattenimento più influenti della storia. Abbiamo finalmente il piacere di dare uno sguardo al documentario su Michael Jackson, chiamato “Bad 25″.
Il Poster
Abbiamo anche il primo, breve trailer del film che vede partecipi anche alcuni illustri personaggi del cinema e della musica di oggi;  Martin Scorsese, regista del video musicale “Bad”, Kanye West, Questlove, Sheryl Crow, Cee Lo Green e Mariah Carey.
Trailer
Bad 25 è nei Cinema di New York, per una settimana dal 19 Ottobre (ieri) e la settimana successiva, dal 26 Ottobre saà nei cinema di Los Angeles prima di debuttare sul canale Televisivo ABC per il giorno del ringraziamento.




TRATTO DA:

IL TRAILER:

mercoledì 17 ottobre 2012

16 milioni per la dimora di Sheryl Crow


articolo tratto da: 

http://news.immobiliare.it/16-milioni-per-la-dimora-di-sheryl-crow-11236



16 milioni per la dimora di Sheryl Crow

16 ott 2012, pubblicato da Giovanna Valsecchi in: Acquisto, vendita, affitto America Curiosità Primo piano VIP 
Sembra un po’ riduttivo parlare di casa, ed in questo specifico caso anche la definizione di villa di Hollywood non sembra essere sufficiente, quando ci si riferisce alla dimora di Sheryl Crow sulle colline di Hollywood, composta di tre differenti edifici che occupano una superficie complessiva pari a quasi quattro ettari e mezzo, e che la cantante ha deciso di mettere in vendita per la bella cifra di quasi sedici milioni di dollari, 15,95 per l’esattezza.
Nel marzo di quest’anno l’edizione americana di Architectural Digest ha dedicato un servizio alla casa della Crowl, cosa che accade sempre con maggiore frequenza alle case dei vip che devono essere vendute, e che possono,in questo modo, fruire dell’eco e della notorietà che può offrire una rivista come AD.
Sheryl Crow ha acquistato questo complesso immobiliare nel 1997, ovvero una decina di anni dopo che venne scoperta e lanciata nel mondo dello spettacolo da Michael Jackson che la volle come corista del gigantesco ed imponente Bad World Tour. L’immobile principale del complesso è realizzato in stile spagnolo, i soffitti delle stanza hanno le travi a vista, un patio molto panoramico circonda la casa ed il bagno, nell’abitazione principale, è decorato con mosaici;  all’esterno non manca ovviamente una bellissima piscina a raso ed un ponte in stile brasiliano collega l’immobile principale ad uno degli altri due edifici, un cottage con due stanze e due bagni, completa la proprietà una terza costruzione che domina dall’alto il complesso nella sua globalità e che venne costruita nel 1909. Stando a quanto riportato nel servizio di Architectural Digest, Sheryl Crow ha vissuto per lungo tempo nella casa senza arreddamento acquistando i singoli pezzi mentre era in tour nei differenti Paesi del mondo.